GreenLab Project

GreenLab Project

Punto di riferimento della Green Technology nel mondo

Il Kerakoll GreenLab è un centro all’avanguardia anche dal punto di vista architettonico, un motore di crescita e  di sviluppo sostenibile dove i materiali naturali da costruzione rappresentano l’elemento generatore di architetture sostenibili e di edifici sempre più smart. Un progetto altamente innovativo di forte impatto sulla cultura industriale europea dove poter toccare con mano il reale valore del GreenBuilding, un edificio-icona dell’architettura sostenibile.

Lo studio e lo sviluppo di soluzioni innovative nell’ambito della bioedilizia sono gli assi portanti del progetto Kerakoll GreenLab che coniuga agli elementi di sostenibilità della struttura in termini di bioclimatica ed efficienza energetica (edificio in classe A), l’elevata qualità degli spazi interni al servizio dei ricercatori legata agli aspetti percettivi dell’architettura nonché a quelli relazionali. L’intervento ha contemplato l’impiego di materiali da costruzione naturali, traspiranti ed ecologici prodotti direttamente dall’azienda. Il comfort abitativo degli ambienti di lavoro è garantito dalla scelte costruttive e dai materiali utilizzati, in grado di migliorare il microclima e la salubrità dell’aria “indoor”, in virtù della ventilazione naturale e del sistema del verde, di fornire un’illuminazione naturale attraverso sistemi di controllo e di ottimizzazione avanzati, tenendo altresì in considerazione i principi della cromoterapia e dell’equilibrio termico naturale.

Il Kerakoll GreenLab, oltre a essere stato insignito a fine 2010 da Legambiente del Premio GreenLife Innovazione Amica dell’Ambiente, prestigioso riconoscimento nazionale rivolto all'innovazione di impresa in campo ambientale, è stato selezionato per partecipare al Padiglione Italia della 13.a Biennale di Architettura di Venezia (Ago/Nov. 2012) in quanto rientra a pieno titolo in quella «logica olivettiana» di cura e attenzione per i luoghi di lavoro che ha ispirato quest'anno la manifestazione.

Le soluzioni adottate comportano evidenti vantaggi in termini di

Risparmio Energetico:

> Pareti termoisolate (Blocco termico - Biocalce® Termointonaco - Biocalce® Silicato Puro Pittura)

> Vetro camera ad alto isolamento termico  con inserimento di speciali lamelle per la riflessione della radiazione termica e la diffusione della luce all’interno dell’edificio.

> Tetto ad elevata coibenza in legno lamellare. Il rivestimento della copertura realizzato interamente con tecnologie innovative Kerakoll ha marcato effetto “Cool Roof” con riflettenza solare ed emissività termica molto elevate che garantiscono naturalmente un minor riscaldamento degli ambienti interni.

> Sistema Fotovoltaico
per l’ombreggiamento della facciata è stato realizzato un impianto costituito da 208 pannelli per una superficie di 280 mq in grado di produrre energia elettrica fino a 16 kW.

> Building Automation: sensori per il controllo della luminosità dei locali integrano la luce artificiale con quella naturale; sensori di presenza sono disposti in ogni ambiente. Il sistema di Building Automation controlla e gestisce: Impianto di climatizzazione, Illuminazione, Sistema di allarmi, Camere Climatiche, Controllo accessi, Sistema di irrigazione.

> Geotermia: 9 Sonde geotermiche alla profondità di 100 metri ciascuna integrano il 65% del fabbisogno termico invernale e il 50% di quello estivo. L’impianto di geotermia combinato  con l’impianto di riscaldamento a Pannelli Radianti ad alta efficienza consente un elevato risparmio energetico.

Ambiente:

> Struttura metallica e tetto in legno riciclabili a fine vita. Il legno utilizzato è certificato PEFC, Programme for Endorsement of Forest Certification Schemes, per l’implementazione della gestione forestale sostenibile.

> Impiego esclusivo di materiali Kerakoll, naturali, traspiranti e a bassissime emissioni per la realizzazione di parte esterna ed interna delle murature – Pavimenti - Impermeabilizzazione e incollaggio del rivestimento di copertura realizzato con Trencadis.

Per realizzare questi elementi sono stati utilizzati 372 ton. di materiali di cui 127 ton. di materiali riciclati, 255 ton. di materiali regionali. Di queste 372 ton. 314 sono riciclabili a fine vita. Sono inoltre stati utilizzati 58.695 kg di prodotti a base organica che contenevano solamente 348 kg di solvente (meno dell’1%).


> Illuminazione naturale degli ambienti e prevenzione dei fenomeni di abbagliamento sono assicurati dalla luce zenitale proveniente dal grande camino-lucernario centrale, dai condotti di luce in copertura, dalle finestre integrate con lamelle orientate per il trasporto e controllo della luce.

> Recupero acqua piovana proveniente dal tetto con sistema di filtrazione vegetato. L’acqua recuperata viene utilizzata per l’irrigazione e per il reintegro dell’acqua delle vasche persa per evaporazione.

> Recupero delle acque grigie di servizi igienici e spogliatoi. Trattamento di purificazione biologico con disinfezione ai raggi UV. Reintegro nelle cassette. Risparmio del 30% di acqua utilizzata nei WC.

> Gestione delle acque meteoriche depurate tramite un sistema di filtrazione vegetato e riutilizzate per irrigazione e rifornimento vasche di raffrescamento Bioclimatico. Vengono utilizzati anche sistemi innovativi per depurazione, laminazione e la lenta infiltrazione nel terreno di tipo SUDS – Sustainable Urban Drainage Systems.

> Bioclimatica: orientato longitudinalmente secondo l’asse nord-sud, GreenLab si apre a sud favorendo la captazione solare e si chiude a nord per limitare le dispersioni verso l’esterno. Il sistema del verde interno ed esterno, le schermature in pannelli fotovoltaici vetrati, la presenza di vasche d’acqua favoriscono il controllo microclimatico.

Salute:

> Inquinanti indoor: la maggioranza dei materiali utilizzati sono a bassissime emissioni di sostanza organiche volatili (VOC) e garantiscono quindi ambienti di lavoro salubri e non a rischio di sindrome dell’edificio malato. All’interno dell’edificio vengono monitorati in diretta i 5 principali indicatori di inquinamento indoor facendo riferimento al progetto Index della Commissione Europea realizzato in collaborazione con il Joint Researche Center risultando costantemente molto al di sotto dei valori medi rilevati degli edifici europei.

> Allergeni, batteri, muffe e funghi: la quasi totalità dei prodotti utilizzati sono batteriostatici e fungistatici certificati dall’ente francese CSTB con effetti anche in questo caso positivi sulla salubrità degli ambienti di lavoro. Anche i batteri e i funghi vengono moniorati con risultati molto ad di sotto dei limiti normativi.

     
       PRIVACY  -  COOKIE POLICY  -  NOTE LEGALI  -  COMMUNITY  - NEWSLETTER  - Contatti   

    2008 - KERAKOLL - VAT 01174510360 - ALL RIGHTS RESERVED